Trabacchi prende a calci il Monferrato: l’Everest Piacenza a un passo dalla vetta

 Rugby serie B, i biancorossi si aggiudicano il “big match” con la capolista e restano imbattuti

EVEREST PIACENZA – MONFERRATO 9-0

EVEREST PIACENZA: Beghi, Bara, Forte, Barani, Papamarenghi, Zampedri, Trabacchi, Compaore, Marazzi, Milani (8’ st.Battini), Toscani M. (1’st Busato), Casali, Cò, Alberti, Baccalini. A disp: Rossi, Tribastone, Sartori, Mazzoni, Buccellari. All: Rolleston

MONFERRATO: Caramella, Kiptiu, Heymans, Cainzo, Minoletti, Zucconi, Leva, Ameglio, Cotaj, Farinetti, Mandelli, Carafa (12’ st Novarese), Carloni, Cullhaj, Raviola (17’ st Plado). All: Mandelli

Marcatori: 17’ cp Trabacchi (3-0); secondo tempo: 10’ cp Trabacchi (6-0); 17’ cp Trabacchi (9-0)

Due squadre imbattute a confronto rendono avvincente la sfida del Beltrametti nel big match di giornata di serie B. Una battaglia fisica, di nervi ma anche di tanta sostanza, con un Piacenza prima sulla difensiva e poi battagliero, quasi pragmatico nel risolvere con Trabacchi le occasioni più propizie. Il Monferrato (capolista del girone) lotta per 40’, poi subisce senza reagire: il primato è salvo, l’imbattibilità no. Il Piacenza resta imbattuto e può proseguire la sua marcia verso la vetta, oramai vicinissima.

Come era prevedibile, le due contendenti si equivalgono sul piano del gioco e dell’impatto fisico, costruendo pericolose azioni offensive che le rispettive difese bloccano quasi sul nascere, confermando qualità anche sotto questo aspetto. E allora si prova a cercare punti dalla piazzola: Zucconi, al 7’, fallisce il suo primo tentativo mentre Trabacchi, al 17’, porta in vantaggio il Piacenza. In una delle azioni più belle del primo tempo, il Monferrato muove palla nei 22 biancorossi (sette fasi) facendo esaltare la difesa piacentina, pronta a chiudere ogni varco.

Ma il forcing degli ospiti prosegue, per lungo tempo nei 22 metri avversari, poi nella metà campo, fino a commettere un fallo che restituisce finalmente palla al Piacenza, con il conseguente trasferimento del gioco nella metà campo del Monferrato. Per pochi attimi. Infatti i bianconeri si rifanno sotto, portando nuova pressione e rinnovando l’iniziativa, però la difesa biancorossa regge l’urto. L’ultimo pericolo, allo scadere, viene sventato per un fallo commesso da un avanti ospite ad un passo dalla linea di meta piacentina. Il Piacenza può andare al riposo in vantaggio (3-0).

In avvio di ripresa si torna a giocare sui binari dell’equilibrio, ed al 10’ Trabacchi sfrutta la sua seconda occasione per aggiungere ancora tre punti. Il Monferrato inizia a soffrire in mischia ordinata, commette fallo, e Trabacchi fa tris dal piazzola. Ma già da qualche minu  to è il Piacenza a farsi più intraprendente, a mettere pressione grazie ad una manovra ordinata, organizzata e prevalente sia nelle fasi statiche che nel gioco aperto. E nel frattempo i “carrettini” del pack biancorosso annebbiano le certezze degli ospiti.

Gli ospiti non si schiodano dalla loro metà campo, se non nel finale, a 5’ dal termine. Al 38’, Zucconi fallisce un penalty che avrebbe potuto riaprire il match. E allora si torna a giocare nella metà campo del Monferrato, fino al fischio di chiusura che decreta la vittoria, meritata, del Piacenza.

Leonardo Piriti
Liberta 19/11/18

Leave a Reply