L’Everest Piacenza a Sondrio fa il pieno di soddisfazioni

Rugby serie B – Netto successo per i biancorossi, che tornano da soli al quarto posto in classifica

SONDRIO – EVEREST PIACENZA 17-36

EVEREST PIACENZA: Papamarenghi, Mazzoni, Zampedri, Forte, Azzali (1’ st Grandi), Buccellari, Toscani N., Marazzi (10’ st Tribastone), Cocchiaro, Toscani M., Bonatti (31’ st Canderle), Casali (39’ st Rossi), Barzan (3’ st Battini), Alberti, Buccellari. A disp: Robuschi, Milani. All: Rolleston.
MARCATURE: 4’ mt Sondrio (5-0); 9’ mt tr Forte (5-7); 16’ mt Forte (5-12); 24’ mt tr Sondrio (12-12); 39’ mt Papamarenghi (12- 17); secondo tempo: 9’ mt Grandi tr Forte (12-24); 21’ mt Sondrio (17-24); 28’ mt Alberti (17-29); 38’ mt Buccellari tr Forte (17-36).

Sondrio – L’Everest Piacenza supera brillantemente il Sondrio e consolida in classifica il quarto posto in solitaria. I biancorossi segnano tre mete in ciascuno dei parziali, mentre il Sondrio riesce a giocare alla pari degli avversari solo nel primo tempo, poiché nella ripresa resterà in balìa dei piacentini. I padroni segnano per primi grazie a una meta segnata su rovesciamento di fronte, da un pallone perso in attacco dagli ospiti. Un incidente di percorso che non preoccupa affatto la squadra di Rolleston, subito dopo di nuovo proiettata in avanti alla ricerca di un vantaggio che passa attraverso la doppietta realizzata da Forte: la prima, sfruttando una pennellata al piede di Buccellari che scavalca la difesa avversaria per depositare l’ovale sulle mani del compagno, la seconda su iniziativa personale a finalizzare una bella manovra dei trequarti. Il Sondrio ribatte con una meta trasformata e agguanta il pareggio (12-12). Quasi allo scadere l’estremo del Sondrio calcia l’ovale per allontanare la pressione dei piacentini: Nicolò Toscani riceve al volo e poi mette in azione Papamarenghi, che infila la difesa e segna all’altezza della bandierina. Nella ripresa il Piacenza alza il ritmo e così spetta a Grandi siglare la meta del bonus. L’unica occasione sfruttata dal Sondrio cade all’inizio del terzo quarto, ad un minuto dal giallo sventolato a Cocchiaro: la superiorità numerica consente al Sondrio di marcare la meta del break. Ma nel prosieguo dell’incontro, prima Alberti da una rolling maul e poi Buccellari su azione personale decretano la netta e meritata vittoria del Piacenza.

Leave a Reply